La Commissione UE ha emanato un ulteriore bando per i partenariati strategici (KA2). Vi possono partecipare anche gli istituti della Svizzera: fino al 12 novembre si possono presentare a Movetia domande per progetti di cooperazione in materia di digitalizzazione e creatività. Con questo bando straordinario, la Commissione UE risponde alle nuove sfide poste dalla pandemia da COVID-19 che stanno affrontando gli istituti di formazione in Europa e nel mondo. Gli istituti e le organizzazioni della Svizzera possono partecipare come partner sia ufficiale sia associato.


In linea di massima, anche per questo bando si applicano le condizioni di finanziamento per i partenariati strategici KA2 di Erasmus+ già pubblicate nella Guida al programma 2020 di quest’anno. I partenariati strategici sono un formato di progetti di Erasmus+. Consentono agli istituti di formazione scolastica, professionale e per adulti, o di istruzione superiore, nonché a quelli attivi nell’animazione giovanile extrascolastica, di cooperare con partner europei. Si stanno elaborando degli approcci innovativi nel campo dell’istruzione. Nelle reti internazionali si scambiano esperienze e conoscenze, a beneficio dell’intero panorama formativo svizzero.

Per partecipare come partner associato, si possono presentare a Movetia da subito e fino al 12 novembre 2020 progetti di cooperazione per «l’istruzione digitale» e «partenariati per la creatività». I progetti possono avere una durata massima di 24 mesi.

 «Preparazione all’istruzione digitale»: formato di finanziamento per la formazione scolastica, professionale e superiore

La pandemia da COVID-19 ha dato un impulso allo sviluppo volto alla modernizzazione e alla trasformazione digitale dei sistemi di istruzione e formazione, evidenziando la necessità di realizzare e potenziare formati di intermediazione digitale. «L’istruzione digitale» mira a rafforzare gli istituti di istruzione e formazione e fornire un’istruzione digitale inclusiva e di alta qualità.

Con questo formato di finanziamento, gli istituti che si occupano di formazione scolastica, professionale e superiore possono presentare candidature di progetti che adattino il sistema formativo alla didattica online e a distanza. Per gli insegnanti e i docenti vanno creati anche nuovi strumenti per sviluppare le competenze digitali e garantire il carattere inclusivo delle offerte formative.

I partenariati devono promuovere la creazione di reti all’interno del panorama formativo europeo, l’utilizzo congiunto di risorse e conoscenze specialistiche e la cooperazione con i fornitori di tecnologie digitali e gli esperti di tecnologie dell’istruzione, al fine di sviluppare soluzioni su misura per le sfide e le caratteristiche locali.

Attività prioritarie dell’«istruzione digitale»

  • Attività che utilizzano strumenti e metodi digitali per fornire un’istruzione inclusiva e di qualità attraverso risorse online/virtuali, tra cui il blended learning/teaching/training
  • Attività per sostenere i discenti e docenti nell’utilizzo della didattica online / a distanza
  • Attività per promuovere l’utilizzo responsabile delle tecnologie digitali
  • Attività per l’integrazione ottimale delle tecnologie digitali online nella didattica specialistica e nella formazione

«Partenariato per la creatività»: formato di finanziamento per la formazione scolastica, per gli adulti e i giovani

Le conseguenze di COVID-19 sono particolarmente devastanti per il settore culturale e creativo. I «partenariati per la creatività» mirano a coinvolgere istituti e organizzazioni nel campo dell’istruzione formale, informale e non formale nel settore creativo e culturale in modo tale che i giovani e gli adulti possano acquisire le competenze necessarie per affrontare le attuali sfide della società.

Con questo formato di finanziamento, gli istituti e le organizzazioni che si occupano di formazione scolastica, per gli adulti e i giovani possono richiedere finanziamenti con progetti che sostengono il potenziale creativo dei giovani e degli adulti, promuovono la cooperazione interdisciplinare e aumentano la qualità, l’innovazione e il riconoscimento della formazione scolastica, per gli adulti e l’animazione giovanile.

Attività prioritarie dei «partenariati per la creatività»

  • Attività legate al rafforzamento di tutti gli aspetti della creatività nell’istruzione informale, non formale e formale attraverso la promozione delle competenze creative
  • Misure per l’uso adattivo degli strumenti digitali in relazione al modo in cui i prodotti creativi, i beni culturali e gli eventi sono creati, gestiti, divulgati, resi accessibili e fruiti
  • Attività volte a promuovere la cittadinanza attiva e l’inclusione sociale attraverso l’arte, in particolare tra i giovani
  • Attività volte a promuovere i talenti e lo spirito imprenditoriale (compresa l’imprenditorialità sociale) in ambiti culturali e creativi
  • Strumenti di apprendimento, materiali, corsi e moduli di formazione per promuovere la creatività, la cultura e la comprensione interculturale
  • Iniziative artistiche e (socio-)culturali con una dimensione educativa e l’obiettivo di sensibilizzare maggiormente in merito alle tematiche sociali nel contesto europeo (rappresentazioni teatrali, mostre, spettacoli musicali, forum di discussione, ecc.)
  • Attività volte a sviluppare e rafforzare le reti e nuovi modelli di cooperazione (in particolare attraverso gli strumenti digitali) che favoriscano l’impegno interculturale, nonché lo sviluppo di atteggiamenti e modi di agire creativi nei giovani
  • Attività di mobilità transnazionale, tra cui l’accoglienza temporanea di artisti e operatori culturali nei settori dell’istruzione non formale / formale e dell’animazione giovanile.