Animazione giovanile extrascolastica sotto la lente: un’analisi esterna ha esaminato le basi della mobilità nell’animazione giovanile extrascolastica con risultati molto interessanti. Gli obiettivi? Attirare nuovi partner e stakeholder, ampliare l’offerta e incrementare le attività di scambio.


L’analisi di fondo ha preso spunto dalla visione di Confederazione e Cantoni: dare a tutti i giovani la possibilità di partecipare a un’attività di scambio e mobilità di lunga durata. Ma come concretizzare questa visione per il futuro? Quali best practice sperimentate nell’UE, in Germania e in Francia si possono sfruttare anche in Svizzera? In che modo è possibile attirare nuovi stakeholder e partecipanti? In che direzione occorre muoversi per allargare il ventaglio di offerte in programma? Quali sono le sfide da affrontare e gli ostacoli da superare? Su incarico di Movetia e dell’Ufficio federale delle assicurazioni sociali UFAS, la Zürcher Fachhochschule für angewandte Wissenschaften ZHAW, in collaborazione con la SUPSI del Ticino e la HES-SO della Svizzera romanda, ha cercato di rispondere a queste domande.

Puntare sulle esperienze e aumentare la visibilità

L’analisi ha prodotto numerosi risultati interessanti. È emerso, per esempio, che mancano un ampio riconoscimento dell’importanza degli scambi e della mobilità e una visibilità adeguata della visione della Confederazione. Quest’ultima si potrebbe raggiungere con un’attività mirata basata su resoconti delle esperienze e progetti pilota. A ciò si aggiunge anche una scarsa notorietà dei programmi di Movetia in Ticino e nelle regioni periferiche, oltre alla mancanza di un network regionale. Lo studio raccomanda pertanto che Movetia si adoperi per rafforzare la propria visibilità. Tra gli aspetti positivi, lo studio rileva l’apprezzamento dei candidati nei confronti della consulenza e del sostegno offerti da Movetia e della semplicità della procedura di candidatura. Ciò a riprova di quanto siano importanti il contatto personale e l’accompagnamento personalizzato nell’ambito dell’animazione giovanile extrascolastica. Il riassunto dell’analisi fornisce una panoramica più ampia dei risultati ottenuti.

L’analisi si è basata sia sulle interviste a stakeholder selezionati nell’ambito dell’animazione giovanile extrascolastica o della mobilità nelle tre regioni linguistiche (giovani e responsabili di progetto), sia sui numerosi spunti forniti dall’evento annuale dello scorso anno dedicato agli scambi, cui il team di giovani reporter di YouReport (Köniz) ha dedicato un interessante reportage, utile inoltre per comprendere l’origine di quest’analisi di fondo.

In una seconda fase, il team Animazione giovanile di Movetia, in collaborazione con l’Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS), si metterà al lavoro per individuare misure concrete e azioni prioritarie per attirare nuovi stakeholder e partner e aumentare le attività di scambio.