L’internazionalizzazione del sistema formativo professionale svizzero apporta un notevole valore aggiunto per tutti gli attori coinvolti.

  • Persone in formazione e neodiplomati: grazie alle mobilità rafforzano le proprie competenze personali, sociali, interculturali, linguistiche e professionali, migliorando nel contempo anche la propria idoneità al mercato del lavoro.
  • Aziende formatrici e scuole professionali: si posizionano come scuole d’arti e mestieri attraenti e innovative, contribuiscono a rafforzare la formazione professionale svizzera, contrastano la mancanza di personale specializzato ed estendono la loro rete di contatti internazionali.
  • Associazioni professionali: s’impegnano a favore di una formazione professionale rivolta al futuro e improntata su giovani professionisti cosmopoliti.
  • Istituti di formazione: possono sviluppare congiuntamente risultati innovativi grazie alla cooperazione transnazionale ed europea (attori svizzeri ed europei), scambiare buone pratiche o sviluppare ulteriormente le qualifiche per i profili professionali di un settore specifico.

Movetia finanzia determinate spese legate a progetti di mobilità europei tramite importi forfettari, oltre a quelle per associare attori svizzeri della formazione professionale a Partenariati di cooperazione con attori europei. Di norma, i progetti devono favorire il collegamento internazionale e lo sviluppo del sistema formativo svizzero.  

Quali sono i tipi di progetto finanziati nell’ambito della formazione professionale?

Mobilità

  • Progetti di mobilità per persone in formazione, neodiplomati: stage professionali con o senza preparazione linguistica. Per il personale attivo nella formazione professionale (organizzata a livello scolastico e professionale): jobshadowing, networking, contributo di relatori esterni, scambio di idee su formazione e formazione continua.

Cooperazione 

  • Partenariati di cooperazione per consentire la cooperazione transnazionale tra istituti nel settore della formazione professionale per promuovere l’innovazione e lo scambio di buone pratiche.

Siamo a disposizione per rispondere alle vostre domande concernenti modalità di partecipazione e candidatura.

Visite preparatorie

Gli attori attivi nella formazione professionale che stanno pianificando un progetto di mobilità o un partenariato strategico possono incontrare la o le future organizzazioni partner prima di presentare la candidatura, per instaurare un partenariato stabile o pianificare il progetto. A questo proposito sono previsti forfait per spese di viaggio e soggiorno. Per maggiori informazioni.

Misure di sostegno

Gli istituti della formazione professionale attivi negli scambi e nella mobilità a livello internazionale, o che intendono diventarlo, hanno la possibilità di beneficiare di un sostegno finanziario supplementare in vari ambiti (p.es: comunicazione, organizzazione eventi, networking ecc.). L’offerta prevede differenti importi forfettari ed è aperta ai progetti di mobilità non finanziati da uno dei programmi di Movetia.

Potrebbe interessare anche a voi

Un reportage creativo da Oxford

Joelle e Sahel del TBZ di Zurigo concordano sul fatto che il soggiorno a Oxford è stato intenso e istruttivo grazie anche al lavoro del festival. La comunicazione e la cooperazione sono state al centro dell'attenzione e sono state messe in pratica durante il soggiorno di 4 settimane in Gran Bretagna, sostenuto da Movetia.

Il Servizio Volontario Europeo, un successo nonostante la pandemia: alcune testimonianze

L’arrivo del COVID-19 in Europa e nel resto del mondo ha fortemente penalizzato gli scambi internazionali. Gran parte dei programmi di mobilità internazionale, pertanto, è stata sospesa, annullata o sostituita da scambi online. Uno dei pochi programmi internazionali finanziati da Movetia che ha continuato a funzionare quasi normalmente nonostante la pandemia è il Servizio Volontario Europeo. Ecco i motivi di questo successo.

Un gruppo di insegnanti di Roma si immerge nella quotidianità scolastica di Bienne

Ad agosto 2020, una rappresentanza degli insegnanti della Scuola Svizzera di Roma hanno fatto visita per una settimana ad alcune scuole delle zona di Bienne e Soletta. Hanno discusso insieme ai loro colleghi delle esperienze fatte con l’insegnamento bilingue e di nuovi approcci per una gestione equa del plurilinguismo in classi eterogenee. Quando poi a ottobre 2020 alcuni insegnati di Bienne e Soletta hanno ricambiato la visita dei colleghi di Roma, hanno colto l’occasione per portare avanti la fruttuosa…

Una «bussola» per l’organizzazione del programma

Una caratteristica tipica di Gioventù in Azione è l’impiego di metodi di apprendimento non formali. Diversamente dall’apprendimento formale, che viene stabilito e strutturato dagli istituti scolastici, in questo caso le ragazze e i ragazzi vengono coinvolti su base volontaria nel processo di apprendimento e lo gestiscono in maniera autonoma. In tutto questo vengono supportati da educatori ed educatrici. Con il progetto ConneXt, la Compagnie Digestif ci illustra le modalità con cui organizza il suo programma e…