Partecipare a progetti di scambio e mobilità è un’esperienza arricchente: stimola lo sviluppo personale dei partecipanti e consente di acquisire varie competenze. Questa possibilità deve essere garantita a tutti, indipendentemente dalla propria situazione personale. Per questo Movetia presta un’attenzione particolare alla promozione dell’equità e dell’inclusione e mette in campo ulteriori mezzi per consentire alle persone con minori opportunità di partecipare a progetti di mobilità.

Cosa s’intende con «partecipanti con minori opportunità»?

Le situazioni che caratterizzano le persone con esigenze speciali o con minori opportunità possono essere molto differenti tra loro e dipendono dal contesto. Di norma, queste persone devono affrontare uno o più ostacoli che ne limitano di fatto l’accesso alle mobilità internazionali. Le situazioni seguenti possono influire sulla partecipazione e sull’accesso alla formazione formale e non formale, a mobilità transnazionali e ai processi democratici e sociali:

  • esigenze speciali (special needs): persone con una disabilità fisica o psichica
  • problemi medici: p.es. persone affette da malattie croniche, condizioni cliniche gravi, malattie psichiche ecc.
  • ostacoli culturali: p.es. migranti o rifugiati; persone appartenenti a minoranze nazionali, linguistiche o etniche ecc.
  • problemi economici: p.es. persone con una situazione finanziaria difficile, indebitate o in condizione di povertà; persone disoccupate ecc.
  • ostacoli sociali: p.es. persone vittime di discriminazione per genere, sesso, età, appartenenza etnica, nazionalità, orientamento sessuale o religioso; giovani con comportamenti antisociali; persone con dipendenze; genitori single; (ex) detenuti ecc.
  • problemi scolastici: p.es. persone con difficoltà di apprendimento, senza titoli scolastici o formazione ecc.
  • ostacoli geografici: p.es. persone provenienti da zone remote o rurali con servizi carenti; persone provenienti da aree problematiche (p.es. con tasso elevato d’inquinamento o conflitti sociali) ecc.

La condizione di minore opportunità è definita in base al contesto dominante e talvolta specifico dell’area di provenienza. Ciò non vale automaticamente per tutte le persone che si ritrovano in una delle condizioni descritte: non tutte, infatti, si trovano in condizione di minore opportunità per ciò che concerne gli scambi e la mobilità (p.es. non tutti gli appartenenti a una minoranza sono automaticamente svantaggiati rispetto ai loro coetanei).

Quali sono le spese coperte da Movetia per la partecipazione di persone con minori opportunità?

Le spese per la partecipazione di persone con minori opportunità o con esigenze speciali (special needs) possono essere indicate nelle voci di budget «costi eccezionali» o «esigenze speciali» nella candidatura del progetto. Per «sostegno per esigenze speciali» (special needs) s’intendono tutte le spese per la partecipazione di persone con disabilità fisiche e psichiche come, per esempio, per l’interprete in lingua dei segni o ulteriori spese di trasporto per persone in sedia a rotelle. Tra le «spese straordinarie» si possono indicare le uscite legate alla partecipazione di persone con minori opportunità come, per esempio, spese per assicurazioni speciali, per un ulteriore accompagnatore per l’assistenza di singole persone. Le spese sostenute per progetti che si svolgono in Svizzera e per i progetti bilaterali all’estero sono interamente coperte. Per la partecipazione a progetti Erasmus+, è prevista la copertura completa delle spese supplementari per esigenze speciali (special needs), ma non per le spese eccezionali. Per maggiori informazioni sulle sovvenzioni.

Costi eccezionali

Tali costi devono essere stimati al momento della candidatura del progetto. Pertanto, nella candidatura di progetto occorre indicare e motivare brevemente la condizione di minore opportunità della persona interessata per consentire a Movetia di verificare le spese presentate. 

Costi per il sostegno di esigenze speciali

Se al momento della candidatura fosse già noto che parteciperanno al progetto persone con una disabilità fisica o psichica, il modulo di richiesta può essere presentato insieme alla candidatura del progetto. Può essere aggiunto nella candidatura alla voce «Esigenze speciali». Nel caso in cui non si fosse ancora a conoscenza di eventuali partecipanti al progetto con esigenze speciali, si prega per ora di non richiedere il sostegno per esigenze speciali. Se dovesse emergere, in un secondo momento, che desiderano partecipare al progetto persone con esigenze speciali, il modulo di richiesta andrà inoltrato quanto prima, al più tardi unitamente al rapporto finale.

Si prega di notare che, nel compilare il modulo di richiesta, dovranno essere fornite le seguenti informazioni:

  • Dati della persona di riferimento del progetto e della persona autorizzata a firmare presso l'organizzazione
  • Dati della persona con esigenze speciali
  • Breve descrizione della natura delle esigenze speciali
  • Dettaglio dei costi aggiuntivi previsti
  • Definizione dei bisogni per un progetto di mobilità incoming: conferma dell’esigenza di sostegno da parte dell’organizzazione o dell’istituto di provenienza
  • Mobilità outgoing: conferma della disponibilità all’accoglienza da parte dell’istituto/organizzazione ospitante

Dove trovo maggiori informazioni?

Trovate maggiori informazioni sul tema dell’inclusione e sui possibili progetti inclusivi nel settore dell’animazione giovanile sulla pagina web del centro risorse SALTO «Inclusion and Diversity» o nella strategia per l’inclusione e la diversità della Commissione europea. Trovate informazioni di carattere generale anche nella brochure «Inclusion - A Compass to International Inclusion Projects.»