In Erasmus+ le cooperazioni internazionali vengono incentivate con diversi formati di progetto. In linea di massima, questi formati favoriscono la collaborazione internazionale degli istituti che si occupano di formazione scolastica, professionale, terziaria, degli adulti e di animazione giovanile extrascolastica. Non sono ancora noti i dettagli sui nuovi formati che partiranno nel 2021. Il manuale del programma Erasmus+ con le linee guida vincolanti è atteso non prima di marzo. Si prevede comunque che gli istituti svizzeri possano partecipare anche nel 2021 a determinati formati. In questi casi, è ancora possibile richiedere il sostegno finanziario del programma svizzero.

A quali formati Erasmus+ possono partecipare gli istituti svizzeri?

Gli istituti svizzeri potranno probabilmente partecipare al formato Erasmus+ «partenariato collaborativo» (fino al 2020 «partenariati strategici»). Si esclude, tuttavia, una direzione di progetto svizzera. Di seguito sono disponibili maggiori informazioni.

Eventualmente è possibile che gli istituti svizzeri possano partecipare a determinati partenariati per l’innovazione Erasmus+, iniziative orientate al futuro, partenariati per l’eccellenza, eventi sportivi senza scopo di lucro e a certi progetti per il sostegno di riforme politiche. Non sono ancora disponibili informazioni in merito.

La Svizzera, in qualità di Paese terzo non associato non potrà partecipare a piccoli partenariati collaborativi («small-scale partnerships»).

Quali sono gli obiettivi dei partenariati collaborativi?

I partenariati collaborativi favoriscono la cooperazione europea a tutti i livelli di formazione e nell’animazione giovanile extrascolastica. Gli istituti coinvolti sviluppano insieme concetti, metodi e strumenti innovativi, si confrontano su procedure consolidate e si avvalgono di sinergie. Questo contribuisce allo sviluppo della qualità e al rafforzamento delle reti internazionali.

I partenariati collaborativi avranno presumibilmente una durata di progetto da uno a tre anni. Il consorzio dovrà essere costituito da almeno tre organizzazioni di tre Paesi aderenti al programma Erasmus+. Si prevede una sola data per la candidatura all’anno.

Come saranno sostenuti finanziariamente gli istituti svizzeri?

Nel 2021, la partecipazione degli istituti svizzeri ai partenariati collaborativi Erasmus+ sarà finanziata analogamente alle precedenti partecipazioni ai partenariati strategici.

Seguiranno ulteriori informazioni per gli istituti svizzeri non appena i dettagli saranno noti a livello europeo (dalla primavera 2021).

Seguiranno informazioni non appena i dettagli saranno noti a livello europeo (probabilmente dalla primavera 2021). 

Drei Personen beugen sich über einen Tisch und arbeiten an einem gemeinsamen Projekt.

Potrebbe interessare anche a voi

Ripensare gli scambi internazionali grazie al digitale

In un mondo in continua trasformazione e in piena pandemia, nuovi formati di scambio vengono concepiti e proposti all’interno degli istituti di istruzione superiore. L’agilità e l’innovazione sono al centro di questa transizione, con speciale riferimento a una maggiore accessibilità alle esperienze interculturali…

swissuniversities: appello per il rientro della Svizzera nel programma Erasmus+

La Conferenza dei rettori delle scuole universitarie svizzere swissuniversities esorta il Consiglio federale a riprendere quanto prima i negoziati con la Commissione europea per garantire la partecipazione delle scuole universitarie svizzere a Erasmus+ 2021-27. L’accesso alle reti, alle opportunità di cooperazione e…

1a edizione dell’International Relations Day con le novità dei programmi

L’evento annuale del settore Istruzione superiore, che si è svolto online il 9 febbraio 2021, ha posto l’accento su alcune sessioni di domande e risposte in funzione dei diversi programmi, fornendo altresì l’occasione di presentare le novità del Call 2021 per i programmi dell’Istruzione superiore. Hanno partecipato 137…

Un kit per mobilità più rispettose dell’ambiente

Il team Istruzione superiore mette a disposizione un kit per gli uffici relazioni internazionali delle scuole universitarie e delle scuole superiori con l’obiettivo di promuovere una mobilità più sostenibile, ovvero con meno emissioni di CO2.