Servono idee vincenti per mobilità e cooperazioni da tutto il mondo! Il Programma pilota internazionale 2018-2020 di Movetia si rivolge agli istituti di formazione svizzeri che vogliono sperimentare cooperazioni innovative e nuove idee nell’ambito delle mobilità, oltre l’Europa!

Quali sono i progetti sovvenzionati?

I progetti devono costituire un valore aggiunto sia per gli istituti e le organizzazioni stessi sia per il sistema formativo svizzero.

Come si finanziano i progetti pilota?

Il programma internazionale di Movetia prevede due strumenti di finanziamento: 

Fondo «Carte blanche»: Non ci sono limiti, attività o forfait predefiniti, tutto è possibile. Piena libertà ai responsabili di progetto. Sulla pagina dedicata al fondo Carte blanche trovate tutte le informazioni sulla procedura, sui criteri di ammissibilità e i relativi formulari.

Programmi specifici per ogni livello di formazione: misure efficaci per la collaborazione internazionale nel campo della formazione (come, p.es., partenariati scolastici internazionali o programmi intensivi) per favorire il networking degli istituti di formazione svizzeri a livello mondiale. Trovate le offerte specifiche, i criteri di ammissibilità e ulteriori informazioni nelle pagine dedicate a Educazione scolastica, Formazione professionale e Istruzione superiore.

Come funziona il processo di candidatura?

Dal 2019 è stata introdotta una procedura di candidatura in due fasi. Nella prima fase, i candidati presentano una bozza del loro progetto. Ricevono quindi una decisione in merito all'accettazione o meno del loro progetto. In caso di decisione positiva, essi possono, in una seconda fase, presentare una domanda estesa.

Che cosa offre Movetia?

  • Sostegno finanziario: Movetia copre un importo annuale massimo di 50 000 franchi e il 60 percento dei costi totali. Il progetto non deve aver ricevuto sovvenzioni Erasmus+.
  • Consulenza: Movetia affianca e consiglia gli istituti dalla concezione alla conclusione del progetto, senza tralasciare la candidatura.

Potrebbe interessare anche a voi

Cooperazione internazionale nell’istruzione superiore - Progettare gli spazi scolastici di domani

La progettazione degli spazi di apprendimento e dei locali scolastici è una vera sfida per la scuola di domani. In questo contesto, grazie alla collaborazione con tre paesi europei, l’Alta Scuola Pedagogica della Scuola universitaria professionale della Svizzera nordoccidentale (PH FHNW) ha potuto sviluppare il progetto PULS+, che permette di mettere in comune le conoscenze sull'architettura e l'organizzazione del territorio con concetti e progetti didattici. Ulrich Kirchgässner, responsabile di progetto della…

Cooperazione internazionale nell’istruzione superiore - Un rafforzamento della qualità per la formazione alla terapia occupazionale

Nell'ambito di un partenariato strategico tra sei istituti di istruzione superiore, la Zürcher Hochschule für Angewandte Wissenschaften ZHAW partecipa a un progetto innovativo per i futuri ergoterapisti in Svizzera e in Europa dal titolo "Cooperative Online Peer-assisted Intercultural Learning in Occupational Therapy (COPILOT)". Intervista con la signora Anja Christopher, project manager per la ZHAW.

Play to Grow

Il progetto per la gioventù RUMO si sarebbe dovuto svolgere sia online che offline. Ma la pandemia di Covid-19 ha complicato le cose. In tempi di «distanziamento sociale», gli organizzatori e i partecipanti hanno dovuto rivedere la formula e si sono adoperati affinché questo gioco internazionale, con la partecipazione di Kenya, Palestina, Spagna, Brasile e Svizzera, si svolgesse lo stesso, solo online! 

Gli studenti delle scuole universitare svizzere si muovono – anche al di fuori dell’Europa

Nel recente contributo «Swiss Student Mobility Beyond Europe» vengono esaminate a fondo le ultimissime tendenze degli studenti delle scuole universitarie svizzere in tema di mobilità. Questo studio sulla mobilità extraeuropea dal 2012 rivela che il numero di soggiorni all’estero in paesi al di fuori del vecchio…