Il progetto di mobilità promuove le formazioni continue, e gli stage introduttivi di docenti e di altro personale scolastico in Europa.

Il personale scolastico svizzero si perfeziona in Europa

Con il programma mobilità europea Educazione scolastica, i docenti svizzeri hanno la possibilità di ampliare le proprie conoscenze professionali presso delle scuole europee. Anche il rimanente personale scolastico può trarne beneficio. Obiettivo: lo sviluppo della qualità, la promozione dell’innovazione delle scuole svizzere e dell’aperura mentale del personale docente nei confronti della varietà sociale, linguistica e culturale europea.

Quali sono le attività promosse?

  • Formazioni continue strutturate: partecipazione a corsi, seminari, conferenze
  • Stage introduttivi (job shadowings)
  • Incarichi d’insegnamento

In quali paesi è possibile svolgere una mobilità?

  • Nei 28 Stati membri dell’UE
  • Negli Stati AELS/SEE Islanda, Liechtenstein e Norvegia
  • In Turchia e nell’ex Repubblica jugoslava di Macedonia

Quanto dura un progetto di mobilità?

Durata del progetto: 1 o 2 anni

Durata delle singole attività: da 2 giorni a 2 mesi (periodi di viaggio esclusi)

All’interno di un progetto è possibile richiedere un numero infinito di attività.

Chi può partecipare ai progetti di mobilità?

Docenti e altro personale scolastico impiegati presso una scuola con sede in Svizzera.

Chi può candidarsi?

Le scuole di formazione generale, dalle scuole dell’infanzia al livello secondario II, con sede in Svizzera. Le singole persone non possono candidarsi.

Consorzi: gli istituti svizzeri attivi nell’educazione scolastica (scuole, alte scuole pedagogiche, amministrazioni cantonali, associazioni ecc.) possono candidare un progetto cui partecipano più scuole (minimo due scuole + istituto coordinatore).

Qual è il sostegno offerto da Movetia?

Di norma, i progetti di mobilità sono finanziati con contributi forfettari per i viaggi, il soggiorno, l’organizzazione e i costi di corso.

La sovvenzione dipende dalla durata della mobilità, dalle attività pianificate, dal numero di partecipanti e dal paese dove si svolge il soggiorno.

Sovvenzioni