Progetti transnazionali nel settore della Gioventù e politica consentono ai giovani di sperimentare concretamente la partecipazione politica, i processi democratici e di discutere argomenti rilevanti per la gioventù con coetanei di altri paesi.

Che cos’è un progetto nell’ambito Gioventù e politica?

I progetti nel settore Gioventù e politica promuovono lo sviluppo di strategie nell’ambito delle politiche giovanili e la partecipazione dei giovani alla vita democratica attraverso un dialogo tra i responsabili delle decisioni politiche e i giovani. L’ampio ventaglio delle attività transnazionali nel settore Gioventù e politica spazia tra eventi, seminari, dibattiti con una caratteristica comune: la possibilità, per i giovani partecipanti, di svolgere un ruolo attivo nel pianificare, preparare e realizzare i progetti.

Attività ammissibili:

  • Attività che simulano il funzionamento delle istituzioni democratiche e/o i ruoli dei responsabili delle decisioni politiche come, per esempio, parlamenti giovanili transnazionali
  • Incontri transnazionali, dibattiti o seminari che favoriscano il dialogo tra giovani e responsabili della politica giovanile.

I progetti nel settore Gioventù e politica si orientano al «dialogo strutturato» promosso dal programma in combinazione con le strategie europee per la gioventù. Il programma svizzero per Erasmus+ non riprende integralmente l’offerta e pertanto il carattere transnazionale del progetto assume un ruolo di primo piano. 

Quali sono i criteri formali di ammissibilità per un progetto?

  • Partecipanti: possono partecipare giovani di età compresa tra 13 e 30 anni residenti in uno dei paesi coinvolti nel progetto. Ai progetti nel settore Gioventù e politica devono aderire almeno 30 partecipanti. I responsabili della politica giovanile, delle decisioni politiche e gli esperti possono partecipare ai vari progetti indipendentemente dalla loro età e dalla loro provenienza.
  • Durata: 2 - 14 giorni (viaggio escluso). Durata complessiva del progetto (preparazione e follow-up inclusi): 3 - 24 mesi.
  • Luogo: Il progetto deve avvenire in Svizzera (progetto incoming) o nel paese di una delle organizzazioni partecipanti (progetto outgoing).

I criteri qualitativi di ammissibilità sono pubblicati sulla pagina per le candidature.

In che modo Movetia finanzia gli progetto nel settore Gioventù e politica?

  • Forfait di viaggio: CHF 400.–  a persona (per i viaggi dall’estero in Svizzera/per i viaggi dalla Svizzera verso il paese ospitante), CHF 50.– a persona (per i viaggi entro i confini nazionali).
  • Sostegno organizzativo: Paese ospitante Svizzera: CHF 49.- a persona e al giorno; progetto all'estero: tra CHF 400.- e CHF 1000.- (in base alla durata) forfait per spese di soggiorno per meeting e persona.
  • Sostegno relativo alla partecipazione di persone con disabilità (special needs): 100% delle spese reali eleggibili.
  • Spese straordinarie (p.es. visti): Paese ospitante Svizzera: 100% delle spese reali eleggibili; progetto all'estero: nessuna sovvenzione prevista.

Per maggiori informazioni (elenco completo e note esplicative): panoramica dei  contributi.

Potrebbe interessare anche a voi

Il Servizio Volontario Europeo, un successo nonostante la pandemia: alcune testimonianze

L’arrivo del COVID-19 in Europa e nel resto del mondo ha fortemente penalizzato gli scambi internazionali. Gran parte dei programmi di mobilità internazionale, pertanto, è stata sospesa, annullata o sostituita da scambi online. Uno dei pochi programmi internazionali finanziati da Movetia che ha continuato a funzionare quasi normalmente nonostante la pandemia è il Servizio Volontario Europeo. Ecco i motivi di questo successo.

Novità in vista per gli scambi europei

Il nuovo bando del Programma svizzero per Erasmus+ incoraggia a intraprendere nuovamente o portare avanti progetti di scambio e mobilità. In particolare nella formazione scolastica, professionale e degli adulti vengono introdotte novità sostanziali: più scadenze all’anno per presentare le candidature, promozione delle…

Calendario accademico di 37 paesi europei – un riassunto!

Trovate in un unico documento tutte le informazioni utili sui calendari accademici degli istituti di istruzione superiore europei.

Una «bussola» per l’organizzazione del programma

Una caratteristica tipica di Gioventù in Azione è l’impiego di metodi di apprendimento non formali. Diversamente dall’apprendimento formale, che viene stabilito e strutturato dagli istituti scolastici, in questo caso le ragazze e i ragazzi vengono coinvolti su base volontaria nel processo di apprendimento e lo gestiscono in maniera autonoma. In tutto questo vengono supportati da educatori ed educatrici. Con il progetto ConneXt, la Compagnie Digestif ci illustra le modalità con cui organizza il suo programma e…