Nell'ultimo aggiornamento degli indicatori per il programma di Legislatura 2019-2023, l'UST (Ufficio federale di statistica) rileva che le competenze linguistiche dei giovani stanno migliorando, anche grazie agli scambi. La coesione nazionale, una delle linee guida della legislatura, viene così rafforzata.


L'UST pubblicato online gli ultimi risultati dei 52 indicatori del  programma di Legislatura 2019-2023. Questi indicatori fanno parte di un sistema di monitoraggio dedicato a verificare e analizzare i compiti della Confederazione.

Uno di questi indicatori permette di esaminare uno degli aspetti della coesione nazionale: il plurilinguismo tra i giovani. L'UST constata che la percentuale di giovani che parlano diverse lingue nella vita quotidiana prosegue il leggero incremento iniziato nel 2010. Il ruolo degli scambi di classi come fattore che contribuisce al plurilinguismo dei giovani è riconosciuto nel commento di questi risultati: da un lato includendo le statistiche del 2019 del programma di scambio di classi e dall'altro menzionando l'incentivo a fare scambi che è la missione di Movetia.

Oltre alla scoperta delle lingue nazionali nella vita quotidiana, gli scambi di classi offrono spesso una prima esperienza interculturale. Essi aprono le porte a futuri incontri, sia all'estero che in Svizzera, e contribuiscono di conseguenza a rafforzare la piazza economica svizzera.