I partenariati collaborativi sono un formato di progetto di Erasmus+. Consentono agli istituti di formazione scolastica, professionale, terziaria e degli adulti, nonché a quelli attivi nell’animazione giovanile extrascolastica, di cooperare con istituti partner europei. Nelle reti internazionali si scambiano esperienze e conoscenze e si elaborano degli approcci innovativi nel campo della formazione, a beneficio dell’intero panorama formativo svizzero.

Quali sono gli obiettivi dei partenariati collaborativi?

Gli istituti coinvolti sviluppano insieme concetti, metodi e strumenti innovativi, si confrontano su procedure consolidate e si avvalgono di sinergie. Questo contribuisce allo sviluppo della qualità delle offerte e al rafforzamento delle reti internazionali.

I partenariati collaborativi contribuiscono a una o più priorità politiche trasversali o settoriali del programma europeo Erasmus+ (cfr. Erasmus+ Programme Guide, pag. 213 seg.). Le istituzioni coinvolte mirano, ad esempio, a rendere le attività di mobilità e cooperazione più inclusive o per mettere a punto metodi innovativi di apprendimento e insegnamento nel campo delle competenze imprenditoriali.

Quanto dura un partenariato collaborativo?

I progetti possono durare da un minimo di 12 a un massimo di 36 mesi, a seconda degli obiettivi del progetto e delle attività programmate. Questo vale per tutti gli ambiti formativi e per l’animazione giovanile extrascolastica.

Chi vi può partecipare?

I partenariati collaborativi possono coinvolgere istituti di formazione, organizzazioni di pubblica utilità/ONG, associazioni, enti pubblici o istituzioni culturali.

In generale, i partenariati collaborativi mirano ad una stretta collaborazione tra gli istituti dei Paesi aderenti al programma Erasmus+. Un partenariato collaborativo deve essere costituito da almeno tre organizzazioni di tre Paesi aderenti al programma Erasmus+.

Le istituzioni con sede in Svizzera non possono dirigere un progetto. Gli istituti con sede in Svizzera hanno comunque due possibilità per partecipare in qualità di partner: o come partner ufficiali, o come partner associati. In entrambi i casi, il valore aggiunto della cooperazione con l'istituzione svizzera per il progetto deve essere chiaramente sottolineato nella domanda.  Per maggiori informazioni si rimanda a «Inoltrare una candidatura» nella colonna di destra.

Come saranno sostenuti finanziariamente gli istituti svizzeri?

Gli istituti svizzeri che partecipano come partner ufficiali (full partner) sono finanziati tramite il progetto Erasmus+. Gli istituti svizzeri che partecipano a un progetto Erasmus+ come partner associati possono richiedere fondi dal programma svizzero per Erasmus+. A partire dal 2023, il finanziamento si baserà su cinque contributi di finanziamento predefiniti:

1. 15'000 CHF
2. 30'000 CHF
3. 60'000 CHF
4. 100'000 CHF
5. 150'000 CHF

Questi contributi coprono al massimo il 60% dei costi totali del progetto. Gli istituti coinvolti devono quindi pagare di tasca propria almeno il 40% del finanziamento totale del progetto oppure fare ricorso ad altre fonti di finanziamento. Il progetto non può essere già finanziato da sovvenzioni del Programma Erasmus+ o del Programma internazionale.

Il contributo richiesto deve essere proporzionato ai compiti/attività previsti dell'istituzione svizzera e al contributo di finanziamento dell'UE ai partner ufficiali.

Gestire un progetto di cooperazione in prima persona?

I progetti di cooperazione internazionale con istituzioni partner in tutto il mondo possono essere finanziati anche attraverso il Programma internazionale. Questi progetti sono di solito più piccoli dei progetti Erasmus+, ma la gestione è in Svizzera.

Progetti lungimiranti

I progetti lungimiranti sono progetti su larga scala diretti a individuare, sviluppare, sperimentare e/o valutare approcci (strategici) innovativi che possono integrare i sistemi di istruzione e formazione e in tal modo migliorarli. I tre lotti 2023 riguardano l'istruzione digitale, l'istruzione e la formazione professionale (VET) e la formazione degli adulti.

Visite preparatorie

Le visite preparatorie consentono ad attori e attrici di istituzioni educative di preparare progetti di cooperazione. La sovvenzione può essere impiegata per incontrare future organizzazioni partner prima della presentazione del progetto, per stabilire contatti in vista di progetti comuni o avviare progetti con i propri partner. Ulteriori informazioni sono disponibili qui.

Termine per inoltrare una candidatura

Educazione scolastica, Formazione professionale, Istruzione superiore, Formazione degli adulti, Attività giovanili:
Termine di presentazione UE: 22 marzo 2023
Termine di presentazione di Movetia: 5 aprile 2023

2. scadenza termine per inoltrare una candidatura
Termine di presentazione UE: 4 ottobre 2023

Progetti lungimiranti:
Termine di presentazione UE: Probabilmente primavera 2024
Termine di presentazione di Movetia: Probabilmente primavera 2024

Contatto

E-Mail
+41 32 462 00 69

Potrebbe interessare anche a voi

[Translate to Italiano:]

Le attività extrascolastiche rafforzano la salute psichica di bambini/e e giovani!

È la conclusione a cui è giunto il progetto di ricerca SCOUT dell’alta scuola pedagogica di Zurigo e del Movimento Scout Svizzero. Lo studio è stato condotto quest’estate presso il mova, il campo scout federale. All’avventura del mova hanno preso parte anche oltre 50 scout provenienti da Georgia, Belgio e Serbia. La loro partecipazione è stata promossa da Movetia nel quadro del programma «Gioventù in Azione».

“Tutto/i in scambio” 2022: quando l’animazione giovanile e gli scambi fanno rima con inclusione

Il 7 settembre 2022, l'incontro annuale di Gioventù in azione si è svolto presso la Case à Chocs di Neuchâtel. È stata l'occasione per gli attori del settore delle attività giovanili di confrontarsi sui temi scelti quest'anno: gli scambi in tutte le loro sfaccettature e l'inclusione. 

Ucraina – Informazioni e link utili

L’accoglienza in Svizzera delle rifugiate e dei rifugiati provenienti dall’Ucraina, in particolare delle studentesse e degli studenti, del personale universitario, delle giovani volontarie e dei giovani volontari, avviene mediante svariate iniziative promosse dai soggetti operanti nel settore dell’istruzione superiore…

Aggiornamento sulla Brexit: FAQ

Anche dopo la Brexit è possibile realizzare soggiorni formativi e progetti di cooperazione con il Regno Unito (UK); tuttavia, dall’1.1.2021 sono in vigore nuove disposizioni in materia d’entrata e di soggiorno. Nelle presenti FAQ troverete un riassunto dei regolamenti attualmente in vigore e informazioni su come si…