Movetia lancerà una campagna di comunicazione alla fine dell'estate. Tutti coloro che sono coinvolti nell'educazione possono avere un ruolo attivo: animazioni, poster e cartoline possono essere scaricati o ordinati gratuitamente a partire da metà agosto. L'obiettivo è quello di convincere i giovani ad intraprendere una mobilità durante la loro formazione.


Dopo le vacanze estive, scarpe di colore e stili diversi saranno esposte in tutta la Svizzera. Simboleggiando il movimento, la voglia di muoversi, la scoperta di nuovi orizzonti, saranno accompagnati da slogan come "Hai un formicolio nella tua formazione", "Impara fuori dagli schemi", "Un piede a scuola, uno in azienda e uno in valigia!”. Movetia sta per lanciare una campagna di comunicazione questa primavera, la più grande dalla sua creazione cinque anni fa.

"Durante i primi anni, abbiamo cercato di farci conoscere soprattutto da istituzioni - scuole, associazioni, aziende - che avevano voglia di sviluppare progetti di scambio, mobilità o cooperazione", spiega il direttore di Movetia. Con questa campagna, l'agenzia intende ora sostenere questi attori e attrici rivolgendosi direttamente ai/alle giovani. "L'obiettivo è quello di motivarli a muoversi e di fargli venire voglia di andare altrove - imparare andando - per formarsi. Grazie a questa campagna puntiamo a una crescita annuale dal 5 al 10% del numero di progetti di mobilità sostenuti in Svizzera e all'estero, a seconda del settore", dice Olivier Tschopp.

Portare un cambiamento culturale

Oggi, i giovani e le giovani che effettuano uno scambio sono ancora una minoranza. La visione della strategia nazionale è che tutti dovrebbero partecipare almeno una volta a uno scambio a lungo termine durante la loro formazione. "Per raggiungere questo obiettivo dobbiamo rendere popolare questa visione. Rendere gli scambi e le mobilità una cosa ovvia. Non più giustificare il perché si fa uno scambio, ma perché non lo si fa. Questo è ciò che intendiamo per cambiamento culturale", dice Olivier Tschopp.

E come prenderà forma tutto questo?

Prima di tutto ci sarà il sito web learningbygoing.ch. La campagna sarà ovviamente visibile sui social network, in particolare con un concorso, ma anche fisicamente nelle scuole con manifesti, volantini e adesivi sparsi in tutta la Svizzera.

Il ruolo dei direttori e delle direttrici, degli e delle insegnanti e degli altri attori del sistema educativo sarà molto importante nella diffusione di questa campagna. Saranno in grado di condividere i contenuti tramite siti web, intranet, newsletter, schermi digitali e social network. Una vasta gamma di materiali può essere scaricata o ordinata attraverso la piattaforma learningbygoing.ch.