Nell’ambito dei progetti di mobilità, gli/le insegnanti e altro personale scolastico possono svolgere formazioni continue, stage di osservazione e attività didattiche in altri paesi europei. Vengono sostenuti anche soggiorni di studio di studentesse e studenti.

Progetti di scambio in Europa per il personale scolastico, le allieve e gli allievi svizzeri

Con il programma mobilità europea educazione scolastica, gli/le insegnanti, altro personale della formazione, ma anche gli allievi e le allieve svizzeri/e hanno la possibilità di ampliare le proprie competenze nelle scuole di altri paesi europei. Per rafforzare la collaborazione tra le scuole si sostengono anche i soggiorni di studio di allievi/e europei/e nelle scuole della Svizzera. E possibile ospitare negli istituti svizzeri anche degli specialisti esterni (Invited Experts). Gli obiettivi sono: lo sviluppo della qualità, la promozione dell’innovazione delle scuole svizzere e dell’aperura mentale del personale docente nei confronti della varietà sociale, linguistica e culturale europea.

Quali sono le attività promosse?

Insegnanti e altro personale scolastico:

  • Formazioni continue strutturate: partecipazione a corsi, seminari, conferenze
  • Stage d'osservazione (job shadowings)
  • Incarichi d’insegnamento

Invited Experts (esperti di altri paesi europei):

  • Specialisti di istituzioni partner forniscono ulteriore formazione nelle scuole in Svizzera

Allieve e allievi:

  • Scambi tra gruppi di allievi/e della Svizzera e di altri paesi europei (mobilità di gruppo, outgoing e incoming)
  • Soggiorni di studio da parte di allievi/e di una scuola in Svizzera a una scuola in Europa (mobilità individuale, outgoing)
  • Soggiorni di studio da parte di allievi/e di una scuola in Europa a una scuola in Svizzera (mobilità individuale, incoming)

In quali paesi è possibile svolgere una mobilità?

  • Nei 27 Stati membri dell’UE
  • Gran Bretagna
  • Negli Stati AELS/SEE Islanda, Liechtenstein e Norvegia
  • In Turchia, Macedonia del Nord e Serbia

Quanto dura un progetto di mobilità?

  • Durata del progetto: 1 o 2 anni
  • Durata delle singole attività: da 2 giorni a 1 anno (periodi di viaggio esclusi)

All’interno di un progetto è possibile richiedere un numero infinito di attività.

Chi può candidarsi?

Le scuole di formazione generale, dalle scuole dell’infanzia al livello secondario II, con sede in Svizzera. Le singole persone non possono candidarsi. Sono ammissibili anche candidature da parte di consorzi*.

*Gli istituti svizzeri attivi nell’educazione scolastica (scuole, alte scuole pedagogiche, amministrazioni cantonali, associazioni ecc.) possono presentare un progetto in cui partecipano più istituzioni (minimo una scuola + istituto coordinatore).

Chi può partecipare ai progetti di mobilità?

  • Insegnanti e altro personale della formazione impiegati presso una scuola con sede in Svizzera
  • Studentesse e studenti che frequentano una scuola di formazione generale con sede in Svizzera

Qual è il sostegno offerto da Movetia?

I progetti di mobilità sono finanziati con contributi forfettari per i viaggi, il soggiorno, l’organizzazione e i costi di corso. A seconda del paese di destinazione o delle conoscenze linguistiche precedenti, è possibile richiedere ulteriori somme forfettarie per la preparazione linguistica. In caso di costi aggiuntivi dovuti a necessità particolari, le spese effettive saranno coperte.

Le sovvenzioni dipendono dalla durata della mobilità, dalle attività pianificate, dal numero di partecipanti e dal paese dove si svolge il soggiorno.

Prossima termine per inoltrare una candidatura

4 ottobre 2021 (inizio del progetto: 1 gennaio 2022)

Good Practice Sostenibilità

Contatto

E-mail 
+41 32 462 00 62 / +41 32 462 00 89

Newsletter Educazione scolastica
Questa newsletter viene pubblicata otto volte l'anno e si occupa dell’attualità degli scambi e della mobilità nel settore dell’insegnamento scolastico in Svizzera. Iscrizione (Spuntare la casella "Educazione scolastica")

Potrebbe interessare anche a voi

Finito un convegno, pensiamo già al prossimo

Il convegno «Scambi nei percorsi formativi bilingui: quali strade portano alla meta» ha riscontrato un grande interesse: oltre 100 partecipanti hanno partecipato il 31 marzo 2021 all’evento online. L’articolo a posteriori comparso nella rivista Gymnasium Helveticum dimostra che questo evento ha effettivamente dato il…

Cooperazioni Erasmus+: la Svizzera è in ritardo!

Oltre alla promozione della mobilità, un aspetto chiave di Erasmus+ riguarda i progetti di cooperazione transnazionali. Incentivano l’innovazione e lo scambio di pratiche consolidate in ambito educativo. Da un confronto in cifre emerge che, negli anni scorsi, la Svizzera è in ritardo rispetto a un paese come…

Lanciato il bando progetti per le cooperazioni europee!

Anche il programma Erasmus+ di nuova generazione offre opportunità interessanti per la collaborazione svizzero-europea in campo formativo e giovanile nell’ambito di progetti cooperazione. Nel 2021 il Programma svizzero per Erasmus+ continua a sostenere le organizzazioni svizzere che operano nell’educazione scolastica,…

Europaweiter Online-Workshop zum Thema «Fake News» für Schweizer Schülerinnen und Schüler

Das europäische Projekt «Path2Integrity» wird am Dienstag, 23. März 2021 für Schülerinnen und Schüler einen virtuellen Workshop in deutscher Sprache zur Vermeidung von «Fake News» und deren unkritischer und unreflektierter Rezeption durchführen.