Lo Swiss-European Mobility Programme SEMP sostiene la maggior parte delle mobilità europee nell’ambito dell’istruzione superiore. Il Programma svizzero per Erasmus+ offre però anche ulteriori strumenti di finanziamento per sostenere e implementare partenariati e cooperazioni istituzionali.

Il Programma svizzero per Erasmus+ si basa sul programma di formazione europeo Erasmus+. In Svizzera il programma consente di realizzare progetti di mobilità individuali e cooperazioni istituzionali per l’istruzione superiore. Il programma offre alle scuole universitarie, alle scuole universitarie professionali, alle alte scuole pedagogiche e alle scuole specializzate superiori diverse possibilità per rafforzare la presenza dei propri istituti in ambito internazionale, consolidare la cooperazione in ambito europeo e realizzare offerte di mobilità per studenti e persone attive in ambito accademico. Vengono sostenuti progetti che contribuiscono all’internazionalizzazione e allo sviluppo qualitativo del sistema formativo svizzero.

Che tipo di progetti vengono sostenuti finanziariamente?

Mobilità
  • Lo Swiss-European Mobility Programme promuove la mobilità europea di studenti, docenti e personale delle scuole universitarie svizzere ed europee per soggiorni temporanei all’estero. Il programma permette di sostenere la mobilità dalla Svizzera verso l’Europa e viceversa.
Cooperazione
  • I Partenariati strategici sono sovvenzionati per promuovere l’innovazione del sistema formativo svizzero a livello europeo tramite la cooperazione internazionale, lo scambio di conoscenze e la trasmissione di competenze.
  • Le Knowledge Alliances sono promosse per rafforzare le cooperazioni tra istituti formativi svizzeri e aziende, per migliorare la qualità della formazione e favorire la modernizzazione delle istituzioni.

Potrebbe interessare anche a voi

Cooperazione internazionale nell’istruzione superiore - Progettare gli spazi scolastici di domani

La progettazione degli spazi di apprendimento e dei locali scolastici è una vera sfida per la scuola di domani. In questo contesto, grazie alla collaborazione con tre paesi europei, l’Alta Scuola Pedagogica della Scuola universitaria professionale della Svizzera nordoccidentale (PH FHNW) ha potuto sviluppare il progetto PULS+, che permette di mettere in comune le conoscenze sull'architettura e l'organizzazione del territorio con concetti e progetti didattici. Ulrich Kirchgässner, responsabile di progetto della…

#Erasmus500: per una borsa di mobilità davvero europea

La European University Foundation (EUF), la European Students’ Union (ESU) e l’Erasmus Student Network (ESN) lanciano una proposta: una borsa di mobilità di base di 500 euro al mese a partire dal 2021. Un aumento per una maggiore inclusione e semplicità e un forte sostegno agli studenti.

«Università europee»: selezionate 24 nuove alleanze

Lo spazio europeo dell’istruzione superiore si riorganizza: nell’ambito dell’iniziativa per le «università europee» sono state rese note 24 nuove alleanze. Attualmente ci sono complessivamente 41 «università europee» che sono composte da 280 istituti di paesi partecipanti a Erasmus+. La Svizzera non è rappresentata.

Docenti come «change agent» per l’internazionalizzazione

Il 26 giugno 2020, la European Association for International Education EAIE ha organizzato, insieme ai rappresentanti del progetto SUCTIA il webinar «Engaging academic staff in internationalisation». Sono stati analizzati i primi risultati di un recente sondaggio qualitativo in merito all’internazionalizzazione dell’istruzione superiore condotto tra il corpo docente e i rettorati di quindici università europee. I rappresentanti delle diverse università europee hanno inoltre discusso i possibili scenari per un…