Movetia indice il secondo bando 2021 con scadenza delle candidature a ottobre per i progetti di mobilità europei nei settori della formazione scolastica, professionale e degli adulti, nonché dell’animazione giovanile. Il potenziale di finanziamento è ingente!


Gli scambi e la mobilità sono ancora possibili. Nonostante le risapute incertezze, è stato evidente fin dalla prima scadenza delle candidature del 2021 che le novità del programma hanno generato nuove idee e candidature per i progetti. La formazione scolastica ha approvato per la prima volta 197 mobilità europee di studenti e studentesse in 7 progetti su 14, che saranno realizzate nei prossimi due anni e sicuramente aumenteranno. Questo esempio infonde coraggio. Il coraggio di continuare a muoversi e di pensare in modo alternativo. Con una prospettiva a medio e lungo termine, adesso si possono gettare le preziose fondamenta per la collaborazione internazionale in ambito formativo, su cui poter costruire sinergie di lunga durata. Ci sono ottime possibilità di riuscirci.

Sovvenzioni

Il budget complessivo del 2021 per i progetti di mobilità europei in tutti i settori ammonta a oltre 37 mio. CHF (100%). Di questi, l’80% è stato assegnato alla prima scadenza, mentre i rimanenti 8 mio CHF (20%) sono a disposizione per la seconda scadenza. 

Poiché molti progetti in corso sono stati estesi e hanno sovvenzioni sufficienti fino al 2022, in alcuni settori sono state presentate molte meno candidature alla prima scadenza. Si aprono così ulteriori opportunità di finanziamento per tutte le parti interessate.

Movetia sostiene una vasta gamma di attività di mobilità
Nei progetti di mobilità, è sovvenzionabile una vasta gamma di attività di mobilità per un ampio pubblico di riferimento:

  • Personale docente fino al livello secondario II e formatori/trici degli adulti:
    formazioni continue strutturate, stage di osservazione, attività didattica
  • Studenti e studentesse:
    scambi di gruppo e soggiorni di studio individuali
  • Persone in formazione:
    progetti tematici (mobilità di gruppo) e stage aziendali, con o senza preparazione linguistica
  • Persone neodiplomate:
    stage aziendali, con o senza preparazione linguistica
  • Animatori/trici giovanili:
    training, seminari di contatto, seminari tematici, visite di studio, job shadowing e stage di osservazione
  • Giovani:
    volontariato, incontri tra giovani, incontri ed eventi nell’ambito di «Gioventù e politica»

I progetti di mobilità possono essere realizzati con partner dei 27 Stati membri dell’UE, del Regno Unito, dei Paesi AELS/SEE Islanda, Liechtenstein, Norvegia, della Turchia, della Serbia e della Macedonia del Nord. Nell’animazione giovanile, è possibile collaborare anche con altri Paesi partner, in aggiunta a quelli appena elencati.

In Europa si riscontra un grande interesse alla collaborazione con la Svizzera. Grazie a questo atteggiamento, si possono avviare nuovi e variegati legami, non solo dove l’attenzione finora è stata posta principalmente sull’acquisizione della lingua, ma anche dove l’apprendimento reciproco può tradursi in esperienze nuove, intense e innovative.

E allora, perché non esplorare nuovi orizzonti già questo autunno?

Scadenze

Grazie alle due scadenze (formazione scolastica, professionale e degli adulti) o alle tre scadenze (Gioventù in Azione) annuali potete scegliere il progetto più adatto a voi e iniziare le prossime mobilità già a partire da gennaio 2022.

Prossima scadenza per la formazione scolastica, professionale e degli adulti: 4 ottobre
Prossima scadenza per Gioventù in Azione: 12 ottobre

Continuità

I fondi del programma sono già stati stanziati dal Parlamento nell’ambito del messaggio sulla promozione dell’educazione, della ricerca e dell’innovazione (ERI) 2021-2024 e non dipendono dal rientro in Erasmus+. Non ci sono pertanto ostacoli alla continuazione degli scambi e della mobilità.