Lo Swiss-European Mobility Programme è la soluzione svizzera per Erasmus+ per l’istruzione superiore. SEMP permette a studenti, docenti e personale amministrativo degli istituti di istruzione superiore di realizzare soggiorni di mobilità a fini di studio o traineeship, ma anche periodi di insegnamento o di formazione continua.

Chi può partecipare?

  • Studenti: possono svolgere un soggiorno di studio presso una scuola universitaria partner per un periodo massimo di dodici mesi per ciclo di studio (bachelor, master, dottorato). I soggiorni sono riconosciuti a livello accademico dalla scuola universitaria di appartenenza.
  • Studenti e neodiplomati: possono partecipare a uno stage presso un’azienda o presso un altro posto di lavoro idoneo all’estero per un periodo massimo di 12 mesi per ciclo di studio (bachelor, master, dottorato).
  • Docenti: hanno la possibilità di insegnare in altri Paesi europei in ogni disciplina.
  • Personale delle scuole universitarie: può essere sostenuto nello sviluppo professionale – attraverso il perfezionamento con opportunità di job shadowing presso una scuola universitaria partner o un istituto corrispondente all’estero.

Sono tra queste persone e sono interessato/a: cosa devo fare?

  • Contattate l’Ufficio di relazioni internazionali del vostro istituto di istruzione superiore (università, scuola universitaria o scuola superiore specializzata). Lì otterrete tutte le informazioni pratiche riguardanti lo SEMP, come le condizioni di partecipazione, i termini di iscrizione, i moduli da compilare e le informazioni relative al sostegno finanziario. 
  • Per studenti e docenti: l’Ufficio di relazioni internazionali vi comunicherà con quali istituti stranieri esiste un partenariato, ovvero in quali Paesi potrete recarvi. 

Michael Hengartner, presidente del Consiglio dei PF e ex rettore di UZH, spiega nel video che cosa costituisce una mobilità SEMP.

Come vengono organizzate le mobilità?

Di norma, le scuole universitarie e le scuole specializzate superiori dispongono di un International Relations Office, responsabile dell’organizzazione e dello svolgimento delle mobilità degli studenti e del personale. Per avere maggiori informazioni sulle possibilità di un soggiorno all’estero (requisiti, candidatura, termini etc.), gli/le studenti, i docenti, i collaboratori e le collaboratrici devono rivolgersi direttamente all’Ufficio di relazioni internazionali del proprio istituto.

Chi può inoltrare una candidatura a Movetia?

I programmi di mobilità SEMP non vengono inoltrati direttamente dagli studenti o dal personale delle scuole universitarie, bensì dagli istituti di istruzione superiore svizzeri all’agenzia nazionale Movetia. Ciò vale anche per la mobilità incoming.

Mobilità incoming – cosa, come, quando?

Il programma SEMP sovvenziona anche studenti e personale delle scuole universitarie che si recano in Svizzera. Gli stage devono essere organizzati da un istituto d’istruzione superiore svizzero, di norma un istituto partner della propria scuola universitaria. Gli Uffici di relazioni internazionali dell’istituto di appartenenza o dell’istituto partner svizzero sono in grado di fornire agli studenti e al personale tutte le informazioni necessarie.

Strumenti di finanziamento Erasmus+ e opportunità per le istituzioni svizzere

La creazione e l’attuazione di partenariati di cooperazione rappresentano un’ulteriore componente per l’internazionalizzazione delle scuole universitarie. A questo proposito Erasmus+ offre vari strumenti di finanziamento per promuovere la collaborazione interistituzionale. Questa panoramica riassume tutte le opportunità Erasmus+ per l’istruzione superiore e informa sulle possibilità di partecipazione per gli istituti di istruzione superiore (nonostante lo status di Paese partner). 

Per la collaborazione extraeuropea sono disponibili degli strumenti di finanziamento aggiuntivi attraverso il programma internazionale di Movetia.

Informazioni generali su Movetia e SEMP (in francese)

Potrebbe interessare anche a voi

[Translate to Italiano:]

Soggiorni all’estero frenati dalla pandemia, ma pur sempre possibili

La pandemia di Covid-19 ha bloccato bruscamente gli scambi – non poteva essere altrimenti. Sono state messe rapidamente in campo alternative di mobilità mista e virtuale: tuttavia, secondo un’indagine condotta da Movetia presso gli istituti di istruzione superiore svizzeri, la mobilità fisica resta la scelta…

Qualcosa si muove sul fronte della mobilità verde!

Le iniziative a favore di una mobilità più rispettosa dell’ambiente sono in continuo aumento: sia a livello delle scuole universitarie che a livello delle infrastrutture, con offerte sempre più variegate da parte degli operatori ferroviari. Eccone una panoramica.

Digitalizzazione del programma Erasmus+: come si presenta la situazione per la Svizzera?

La procedura di gestione amministrativa del programma Erasmus+ si digitalizza completamente grazie all’Iniziativa sulla Carta europea dello studente. Il progetto è di dimensioni titaniche e prevede l’implementazione di una rete e di diversi strumenti. Come si svolge tutto questo? E la Svizzera può far parte di questa…

Movetia lancia il primo modulo di formazione per il personale delle scuole universitarie

Trasmettere le conoscenze e le competenze per il processo di internazionalizzazione degli istituti e favorire i moltiplicatori delle attività internazionali: dal 28 giugno al 1° luglio, su iniziativa di Movetia, si è tenuto il modulo di formazione continua «SUCTI – Systemic University Change Towards…