Lo Swiss-European Mobility Programme è la soluzione svizzera per Erasmus+ per l’istruzione superiore. SEMP permette a studenti, docenti e personale amministrativo degli istituti di istruzione superiore di realizzare soggiorni di mobilità a fini di studio o traineeship, ma anche periodi di insegnamento o di formazione continua in Europa.

Chi può partecipare?

  • Studenti: possono svolgere un soggiorno di studio presso una scuola universitaria partner in Europa per un periodo massimo di dodici mesi per ciclo di studio (bachelor, master, dottorato). I soggiorni sono riconosciuti a livello accademico dalla scuola universitaria di appartenenza.
  • Studenti e neodiplomati: possono partecipare a uno stage presso un’azienda o presso un altro posto di lavoro idoneo all’estero per un periodo massimo di 12 mesi per ciclo di studio (bachelor, master, dottorato).
  • Docenti: hanno la possibilità di insegnare all’estero in ogni disciplina.
  • Personale delle scuole universitarie: può essere sostenuto nello sviluppo professionale – attraverso il perfezionamento all’estero con opportunità di job shadowing/stage introduttivi presso una scuola universitaria partner o un istituto corrispondente all’estero.

Sono tra queste persone e sono interessato/a: cosa devo fare?

  • Contattate l’Ufficio di relazioni internazionali del vostro istituto di istruzione superiore (università, scuola universitaria o scuola superiore specializzata).
  • Otterrete così tutte le informazioni che riguardano il programma SEMP, come i criteri di ammissione, i termini di iscrizione, i documenti da compilare, l’importo della borsa di studio, ecc. Per un semestre di studi, riceverete inoltre informazioni sugli accordi interistituzionali che la vostra scuola universitaria ha firmato con i partner europei, vale a dire i luoghi in cui potreste andare a studiare. 

Michael Hengartner, Presidente di Swissuniversities e rettore di UZH, spiega nel video che cosa costituisce una mobilità SEMP.

Chi può presentare un progetto?

Le candidature SEMP devono essere inoltrate dagli istituti di istruzione superiore all'agenzia nazionale Movetia e non dagli/dalle studenti o dal personale interessati.

Come vengono organizzate le mobilità?

Di norma, le scuole universitarie e le scuole specializzate superiori dispongono di un International Relations Office, responsabile dell’organizzazione e dello svolgimento delle mobilità degli studenti e del personale. Per avere maggiori informazioni sulle possibilità di un soggiorno all’estero (requisiti, candidatura, termini etc.), gli/le studenti, i docenti, i collaboratori e le collaboratrici devono rivolgersi direttamente all’International Relations Office del proprio istituto.

Mobilità incoming – cosa, come, quando?

Il programma SEMP consente di garantire la reciprocità con gli altri paesi aderenti al programma Erasmus+, garantendo la mobilità di studenti e personale in Svizzera. Gli stage devono essere organizzati da un istituto d’istruzione superiore svizzero, di norma un istituto partner. Gli International Relations Office dell’istituto di appartenenza sono in grado di fornire agli/alle studenti e al personale tutte le informazioni necessarie.

Dal 1987 più di 4,4 milioni di studenti europei – dei quali 44'251 provenienti da atenei svizzeri – hanno realizzato una mobilità in Europa. Quali sono le destinazioni più ambite? Che aree di studio hanno una percentuale di mobilità molto alta? Trovate queste e altre informazioni nelle nostre statistiche!

Strumenti di finanziamento Erasmus+ e opportunità per le istituzioni svizzere

La creazione e l’attuazione di partenariati strategici e di progetti di cooperazione rappresentano un’ulteriore componente per l’internazionalizzazione delle scuole universitarie. A questo proposito Erasmus+ offre vari strumenti di finanziamento per promuovere la collaborazione interistituzionale. Questa panoramica riassume tutte le opportunità Erasmus+ per l'istruzione superiore e informa sule possibilità di partecipazione (nonostante lo status di paese partner) per gli instituti di istruzione superiore. Per la collaborazione e la mobilità extraeuropea sono disponibili degli sturmenti di finanziamento aggiuntivi attraverso il programma internazionale di Movetia.

Potrebbe interessare anche a voi

#Erasmus500: per una borsa di mobilità davvero europea

La European University Foundation (EUF), la European Students’ Union (ESU) e l’Erasmus Student Network (ESN) lanciano una proposta: una borsa di mobilità di base di 500 euro al mese a partire dal 2021. Un aumento per una maggiore inclusione e semplicità e un forte sostegno agli studenti.

«Università europee»: selezionate 24 nuove alleanze

Lo spazio europeo dell’istruzione superiore si riorganizza: nell’ambito dell’iniziativa per le «università europee» sono state rese note 24 nuove alleanze. Attualmente ci sono complessivamente 41 «università europee» che sono composte da 280 istituti di paesi partecipanti a Erasmus+. La Svizzera non è rappresentata.

Docenti come «change agent» per l’internazionalizzazione

Il 26 giugno 2020, la European Association for International Education EAIE ha organizzato, insieme ai rappresentanti del progetto SUCTIA il webinar «Engaging academic staff in internationalisation». Sono stati analizzati i primi risultati di un recente sondaggio qualitativo in merito all’internazionalizzazione dell’istruzione superiore condotto tra il corpo docente e i rettorati di quindici università europee. I rappresentanti delle diverse università europee hanno inoltre discusso i possibili scenari per un…

Nuove forme di mobilità per lo Swiss-European Mobility Programme (SEMP)

Alla luce della pandemia da Coronavirus, per il nuovo anno accademico le condizioni relative alla promozione della mobilità degli studenti europei sono state rese più flessibili. Alla mobilità fisica tradizionale è stata affiancata quella «blended» e virtuale. La Svizzera si adegua a questa novità.